SlideshowDivertimento
WebCam

WebCam

Meteo

Meteo

Arrivare

Arrivare

Prenotazioni

Prenotazioni

Utilità

Utilità

News

News

Mappe

Mappe

Video

Video

I Laghi

I Nostri Laghi

Varcata la soglia del territorio di Entracque ci troviamo in un paradiso in cui l’acqua è l’elemento predominante: regina nella valle dei re, essa rappresenta innanzitutto una ricchezza da tutelare e rispettare, nonché una preziosa fonte di sviluppo da imparare a conoscere nelle varie forme in cui si presenta sul territorio.

Lasciandosi guidare dal rumore inconfondibile dei torrentelli di montagna, si percorrono i sentieri delle Marittime, si risalgono i valloni ed il nostro sguardo spazia dall’imponenza dei ghiacciai del gruppo Clapier-Maledia-Gelas, i più meridionali dell’arco alpino, fino alle cime ancora innevate a tarda primavera.

Un universo di piccoli angoli in cui lasciarsi trasportare con la mente dal fascino trasparente dell’acqua che scorre dolce in fondo alle rocce fino a dondolare nella calma dei laghi che costellano la natura incontaminata di Entracque.

I Laghi della Piastra e del Chiotas

Entracque ospita due bacini artificiali della Piastra e del Chiotas: il primo raggiungibile tutto l’anno comodamente in auto, il secondo raggiungibile solamente in estate tramite il sentiero escursionistico che collega il Lago delle Rovine (mt 1500) al rifugio Genova Figari.

La diga della piastra è a gravità massiccia con un’altezza di 88 metri, lungo poco meno di 2 km e largo 300 metri, con una capacità di 12 milioni di metri cubi, 9 dei quali utilizzabili per il pompaggio.  E’ possibile costeggiare in auto tutto il lago e raggiungere proprio a monte della diga una piacevole area attrezzata del parco gestita da maggio a settembre.

Il Bacino del Chiotas invece si trova a quota1980 metri ed è chiuso dalle due dighe del Chiotas e del Colle di Laura. La Diga del Cciotas, ad arco-gravità è alta 130 metri ed ha un coronamento di 230 metri. Il suo spessore varia tra i 37,5 metri alla base e i 5 metri alla cima. La Diga del Colle di Laura, più piccola, è a gravità massiccia con andamento rettilineo. Ha un’altezza massima di 30 metri, con una lunghezza al coronamento di 70 metri.

Questo maestoso lago artificiale eretto dall’Enel del 1968 ha segnato la sorte del glorioso Rifugio Genova, primo assoluto delle Alpi Marittime, sommerso per sempre con l’intera area del Gias del Monighet proprio dalle acque del lago; nuovo rifugio, che mantenne la vecchia denominazione affiancata a quella di Bartolomeo Figari, fu realizzato dall’Enel sulle sponde del Lago Brocan, a pochi metri a monte del bacino artificiale, e terminato nel 1975.

Il Lago della Rovina

Un lago, quello delle Rovine, la cui origine si deve alla caduta di una rovinosa frana caduta in tempi lontani.

Situato a 1535 metri sul livello del mare, il lago si trova all’interno dell’area protetta del Parco Naturale delle Alpi Marittime, ed è raggiungibile in auto da Entracque dalla primavera all’autunno, la strada rimane invece chiusa in inverno a causa delle numerose valanghe che costellano l’accesso all’area,

Un lago piacevole, spesso meta di gite domenicali dei cuneesi, è servito da un’area attrezzata per pic nic, un piccolo chiosco bar e un’amplia area di parcheggio. Il lago è anche riserva di pesca, gestita dall’Associazione Pescatori di Entracque.

I Piccoli Laghi Alpini

La Marittime sono montagne di laghi, esse rappresentano uno dei settori alpini più ricchi di specchi d’acqua naturali, quasi tutti di origine glaciale, incastonati come gioielli in ogni angolo.

I laghi di alta quota sono meta preferita di molti escursionisti e sono raggiungibili attraverso la fitta rete di sentieri del parco, come il lago del Vei del Buc, il lago Brocan, o il l Laghetto della Maledia, il più alto delle Marittime, che sfiora i 3000 metri di altitudine.

La montagne entracquesi sono custodi un patrimonio idrico veramente immenso: grande ricchezza dal punto di vista paesaggistico, l’acqua rappresenta il sostegno vitale ed un impulso irrinunciabile allo sviluppo per tutto il territorio. Rendendo vivo ogni luogo che attraversa, l’acqua anima la montagne ed il paese, portando nelle strade e nelle piazze, attraverso le molte fontane, un sorso di natura.